Spedizione

- GIOVEDì 03 MARZO 2016 RSS Feed

Il latte materno: uno strumento di educazione alimentare

by Direzione | lascia un commento

Il latte materno può essere considerato il risultato di milioni di anni di evoluzione, finalizzata a fornire al neonato tutti i nutrienti (carboidrati, grassi, proteine, vitamine e sali minerali) di cui ha bisogno per una sana e corretta crescita. L’allattamento esclusivo al seno è perciò raccomandato per i primi sei mesi di vita del bambino dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), non solo per le caratteristiche nutritive che possiede ma anche per le molteplici funzioni biologiche che esplica. Svolge, per esempio, un ruolo essenziale per la formazione di un sistema immunitario sano e robusto grazie alla presenza di immunoglobuline ed è il principale responsabile dello sviluppo della flora batterica che colonizza l’intero tratto gastrointestinale, a partire dal cavo orale.

Gli studi scientifici degli ultimi vent’anni si sono concentrati anche su un’altra funzione: hanno dimostrato che sia nel liquido amniotico sia nel latte materno sono disciolte molecole aromatiche volatili provenienti dal cibo che costituisce la dieta materna. Queste molecole possono essere considerate dei veri e propri “educatori alimentari” poiché, rispecchiando i sapori del cibo ingerito dalla madre, insegnano al lattante a riconoscere e apprezzare il sapore di molti alimenti, già durante l’allattamento. La dieta materna gioca quindi un ruolo fondamentale sulla formazione del senso del gusto influenzando sia lo sviluppo neurofisiologico sia il comportamento alimentare futuro del bambino.

Il bambino, alla nascita, possiede già un’innata risposta verso i gusti base. Per esempio, in genere si possiede una preferenza innata per le alte concentrazioni di zucchero o di sale; alcuni bambini hanno una maggiore sensibilità al sapore amaro dovuto a una predisposizione genetica. Il senso del gusto possiede però anche una notevole plasticità e può quindi essere successivamente perfezionato e plasmato dalle esperienze gustative a cui il bambino va incontro, non solo durante la vita intrauterina ma specialmente durante la fase di allattamento.

Il latte materno può essere considerato un importante strumento educativo che permette di insegnare al bambino di cosa può nutrirsi consentendo di sviluppare precocemente la capacità di discriminare gli alimenti conosciuti, sicuri e quindi preferibili dagli alimenti sconosciuti e quindi da evitare in quanto potenzialmente dannosi.

Molti studi dimostrano che più vasta è la gamma di alimenti consumati dalla mamma — specialmente per quanto riguarda frutta, verdura e spezie — minori saranno le difficoltà a inserire alimenti solidi durante la fase di svezzamento, perché il bambino riconoscerà già molti dei sapori presentati in forma solida. Inoltre la qualità della dieta materna durante l’allattamento influisce a lungo termine sulle scelte alimentari future nella vita adulta di un individuo. Per esempio, molti studi confermano che l’utilizzo del latte artificiale comporta un maggior rischio di sviluppare obesità nella vita adulta rispetto al latte materno, proprio per la mancanza di molecole “istruttive”.

Il latte materno è quindi, in definitiva, il primo strumento di prevenzione nei confronti di tutte quelle patologie causate dalle cattive abitudini alimentari e, quando possibile, è sicuramente da preferire al latte artificiale.

 

Dottoressa Elena Angelino

 

Fonti:

Fonte:www.lascuoladiancel.it





News di domenica 28 febbraio 2016

Vedi tutte le news di domenica 28 febbraio 2016 in una pagina




Ultime News



Archivio News




Tutti i prodotti esposti su questo sito ed aventi la natura di dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici, presidi medico chirurgici, medicazioni per uso esterno, nonché tutti i contenuti del sito www.cosmesiebenessere.com (testi, immagini, foto, disegni, allegati, descrizioni e quant’altro) non hanno carattere né natura di pubblicità. Tutti i contenuti devono intendersi e sono di natura esclusivamente informativa e volti esclusivamente a portare a conoscenza dei clienti o dei potenziali clienti in fase di pre-acquisto i prodotti venduti da Farmacia Blasi Dott. Giuseppe attraverso la rete. Nessun contenuto delle pagine del sito deve essere inteso come materiale pubblicitario, teso ad influenzare in qualsivoglia maniera una decisione di acquisto.Tale indicazione è particolarmente valida per: Medicinali di automedicazione, Dispositivi medici e dispositivi medico-diagnostici in vitro, presidi medico-chirurgici.