Spedizione

- VENERDì 13 SETTEMBRE 2013 RSS Feed

Sindrome Premestruale e Dolori: 3 Modi Per Alleviarli (Farmaci)

by Direzione | lascia un commento

È un classico: la settimana prima del ciclo siete scorbutiche, stanche e, improvvisamente, non riuscite più a chiudere la cerniera dei pantaloni. Suona familiare? Allora siete tra la stragrande maggioranza delle donne (fino al 90%) che sentono i sintomi premestruali (PMS). La maggior parte delle “vittime” della sindrome premestruale ha dei sintomi che non interferiscono con il proprio stile di vita, come ad esempio tensione mammaria, gonfiore e un lieve mal di testa, che spesso accompagnano e annunciano il vostro periodo, spiega il Dr. Robert L. Reid, professore di ostetricia e ginecologia presso l’Università di Kingston, Ontario: “Questa forma più lieve di sindrome premestruale si chiama molimina” precisa il medico.

Anche se la causa esatta non è nota, tali sintomi si pensa siano innescati da fluttuazioni degli ormoni e della serotonina chimica del cervello, e possono coinvolgere anche sbalzi d’umore, stanchezza, ritenzione idrica e l’insonnia. I sintomi premestruali possono persistere per tutta la durata del ciclo; molti di noi provano anche crampi addominali appena prima e durante i giorni del ciclo. Circa il 3-5% delle donne soffrono di sindrome premestruale con gravi sintomi che inficiano le attività e le relazioni. Gli psichiatri si riferiscono alla condizione che si manifesta con depressione, letargia o rabbia, e ostacola la vita quotidiana, come il disturbo disforico premestruale (PMDD). Se pensate di soffrire di sindrome premestruale o PMDD in forma grave, rivolgetevi subito al vostro medico.

Alleviare i sintomi della sindrome premestruale come dolore, gonfiore e irritabilità, potrà risultarvi più facile con questi rimedi che potrete trovare in farmacia.

Fino a quando i sintomi premestruali sono da lievi a moderati, la buona notizia è che si possono gestire con farmaci standard, che possono aiutare sia prima che durante il periodo. Infatti, dice Reid, “si stima che dal 30 al 40% nelle donne colpite dalla sindrome premestruale siano i metodi più utilizzati“.

Di seguito vi suggeriamo alcuni nomi che potreste prendere in considerazione, non prima di averne parlato col vostro dottore.

1. Per alleviare i dolori muscolari e i crampi durante la sindrome premestruale

Esempio: Tylenol

Come funziona: il Tylenol contiene paracetamolo, un farmaco che eleva la soglia del dolore del corpo. Queste capsule lavorano in due fasi: il primo strato aiuta subito, fornendo un rapido sollievo, mentre il secondo viene rilasciato nel tempo per ridurre il dolore per un massimo di otto ore.

Che cosa dovete sapere: “Da prendere solo al momento della comparsa del dolore e a stomaco pieno“, spiega la Dott.ssa Janina Filipczuk, farmacista a Port Credit, Ontario. “Finché si seguono le indicazioni sulla confezione, è sicuro e privo di effetti collaterali, ed è consigliato anche per chi è allergico all’acido acetilsalicilico” (tipicamente, quello contenuto nelle aspirine, nda).

2. Per ridurre il dolore e il gonfiore del seno durante la sindrome premestruale

Esempi: Aleve, Advil, Motrin IB, Tylenol Extra e Midol Complete

Come funzionano: il sodio naprossene (il principio attivo dell’Aleve) e l’ibuprofene (che si trova nell’Advil e nel Motrin IB) vanno a incidere sulle prostaglandine che mediano il dolore e l’infiammazione. Questo aiuta ad alleviare dolore, gonfiore e tensione mammaria. L’acido acetilsalicilico, che si trova nell’aspirina, funziona in modo simile ma può interferire con la coagulazione del sangue, quindi sarebbe meglio evitare se si tende a soffrire di emorragie. Le formule del Tylenol e Midol contengono entrambe il paracetamolo antidolorifico, e anche diuretici per alleviare il gonfiore, aumento di peso e tensione mammaria.

Che cosa dovete sapere: il naprossene sodico e l’ibuprofene sono considerati sicuri quando vengono assunti con prescrizione. Riducendo il sale, i cibi salati e i carboidrati raffinati si può ulteriormente aiutare il fisico a prevenire il gonfiore.

3. Per diminuire l’irritabilità e la tensione durante la sindrome premestruale

Esempi: Midol Extra, magnesio e vitamina B6

Come funzionano: il Midol contiene paracetamolo per alleviare il dolore, oltre al pamabrom (un diuretico) per diminuire il gonfiore. Inoltre contiene pyrilamine maleato antistaminico, che calma la tensione e l’irritabilità. “Ulteriore integrazione con vitamina B6 e magnesio può avere effetti benefici sugli sbalzi d’umore e l’irritabilità“, spiega la Dott.ssa Filipczuk.

Che cosa dovete sapere: il Midol è considerato sicuro quando viene assunto con prescrizione. Si dovrebbe parlare con il medico o il farmacista prima di assumerlo assieme ad integratori vitaminici, per garantire che non potranno interagire con i farmaci. Un dietista può determinare se si sta assumendo abbastanza vitamina B6 e magnesio dal cibo e, se ciò non accade, è bene iniziare con una dose da 50 a 100 mg di vitamina B6 e 250 mg di magnesio al giorno.

Ulteriori opzioni per migliorare la sindrome premestruale

Per una sindrome premestruale grave o sintomi di PMDD, i contraccettivi orali possono aiutare a livellare le fluttuazioni ormonali, spiega il Dott. Reid. “I più efficaci”, dice, “sono le pillole come il Seasonale e il Seasonique, che limitano dimostrato di alleviare la PMDD”.

Eventuali antidepressivi come Zoloft e Prozac possono essere efficaci contro la depressione, la rabbia e l’ansia, aumentando i livelli di serotonina (l’ormone “felice” del cervello), ma non assumete nulla di tutto ciò senza prima aver consultato il vostro medico di fiducia.

Autore | Daniela Bortolotti

Fonte:www.salute-e-benessere.com

Tag:#dolore #mestruazione #alimentazione #dieta






News da giovedì 12 settembre 2013

Vedi tutte le news di giovedì 12 settembre 2013 in una pagina




Ultime News



Archivio News




Tutti i prodotti esposti su questo sito ed aventi la natura di dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici, presidi medico chirurgici, medicazioni per uso esterno, nonché tutti i contenuti del sito www.cosmesiebenessere.com (testi, immagini, foto, disegni, allegati, descrizioni e quant’altro) non hanno carattere né natura di pubblicità. Tutti i contenuti devono intendersi e sono di natura esclusivamente informativa e volti esclusivamente a portare a conoscenza dei clienti o dei potenziali clienti in fase di pre-acquisto i prodotti venduti da Farmacia Blasi Dott. Giuseppe attraverso la rete. Nessun contenuto delle pagine del sito deve essere inteso come materiale pubblicitario, teso ad influenzare in qualsivoglia maniera una decisione di acquisto.Tale indicazione è particolarmente valida per: Medicinali di automedicazione, Dispositivi medici e dispositivi medico-diagnostici in vitro, presidi medico-chirurgici.