Vedi tutte le referenze ...

- SABATO 18 MAGGIO 2013 RSS Feed

ALLERGIE E INTOLLERANZE

by Direzione | lascia un commento

Non solo batteri, muffe e cattive condizioni di conservazione dei cibi, possono causare problemi; le reazioni avverse possono derivare anche da allergie e intolleranze alimentari non diagnosticate. La loro diffusione sembra in forte aumento negli ultimi anni. Per questo Il Fatto Alimentare si è occupato pochi giorni fa del fenomeno dei test alternativi, in commercio da anni e acquistabili anche on line, ma privi fino ad ora di validità scientifica. È importante divulgare in modo chiaro alcuni aspetti su allergie e intolleranze alimentari, soprattutto per evitare che ci si affidi a tecniche o persone non attendibili, con i rischi e i costi che ne derivano.

 

Districarsi tra i numerosi studi, i malesseri e gli alimenti sospetti, non è facile. Abbiamo quindi chiesto chiarimenti a Roberto Bernardini, Presidente della Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica (SIAIP)*.

 Noci, arachidi e frutta secca possono causare allergie

Un’intolleranza, se non curata può peggiorare e diventare allergia? «Mai, sono due cose diverse. Se si tratta di allergia la persona, dopo essere entrato in contatto con l’alimento, ha un’alterata risposta immunitaria con produzione ad esempio di anticorpi (IgE) che reagiscono verso alcune proteine alimentari come fossero “nemici”. Questo non avviene nel caso delle intolleranze.»

 

Contrariamente a quanto si pensa, la diffusione delle intolleranze è molto rara, mentre per le allergie, l’incidenza interessa l’8% dei bambini sotto i 3 anni e il 3/4% degli adulti. Tra gli ingredienti più comuni che possono esserne la causa, ci sono, nei primi 2 anni di vita, soprattutto latte vaccino, uovo, grano, soia, a cui in seguito si sommano anche pesce, crostacei, arachidi e frutta secca. Le reazioni più gravi si manifestano entro un paio d’ore dall’assunzione dell’alimento e possono essere di varia natura: anaflassi, sindrome orale allergica, orticaria…

 

Tra le analisi diagnostiche molto diffuso è il test cutaneo: prick test (con estratto) o il prick+prick (con alimento fresco)

Perchè negli ultimi anni si assiste a un aumento di queste patologie? «La causa è multifattoriale. Un ruolo importante lo giocano le mutate abitudini alimentari, e le differenti condizioni ambientali (meno infezioni, alimenti sempre meno contaminati da “microbi”, alterazione della flora intestinale). C’è da dire – prosegue Bernardini – che negli ultimi anni il progresso in campo diagnostico ha messo a punto test più efficaci e precisi.»

 

Qual è la procedura corretta da seguire per diagnosticare un’allergia? « Per prima cosa occorre effettuare un’accurata anamnesi clinica (probabilmente si sarà già escluso l’alimento sospetto dalla dieta). Potranno poi effettuare dei test cutanei come il prick test (con estratto) o il prick+prick (con alimento fresco). Come terzo passaggio, solo se necessario, si eseguirà un prelievo ematico per il dosaggio degli anticorpi (IgE sieriche) specifici per alimento o le singole molecole (diagnostica molecolare con dosaggio delle singole molecole sospettate o a tappeto, ISAC 112). A questo punto, fatta la diagnosi, si fa adottare al paziente una dieta di esclusione per l’alimento. Talvolta può essere necessaria – conclude l’esperto -, per confermare il sospetto di allergia alimentare, una reintroduzione dell’alimento sospetto o anche un tpo (test provocazione orale) con l’alimento sospettato (con ri-comparsa di sintomi in caso di allergia alimentare).»

Anche le uova, insieme a latte, grano e soia, sono tra gli ingredienti più comuni che possono esserne la causa

Di tratta quindi di un percorso che può rivelarsi lungo e tortuoso; ma esistono anche test per le intolleranze? «Esiste, in caso di intolleranza al lattosio, il test del respiro per rilevare il difetto dell’enzima lattasi»

 

Riguardo ai test “alternativi” il dottor Bernardini non ha dubbi, nonostante siano numerosi e molto diffusi, al momento non hanno ancora alcuna validità scientifica.

 

Anche la grande famiglia degli “additivi” desta allarme tra i consumatori, come è meglio comportarsi? «Gli additivi e i coloranti possono determinare principalmente quadri cutanei orticarioidi (basta pensare agli additivi presenti negli sciroppi antibiotici dati ai bambini), ma la diagnosi di intolleranza è possibile solo con test di provocazione orale, cioè ridando quel determinato additivo sospetto per bocca e verificando la comparsa o meno dei sintomi. In ogni caso, alle persone che lamentano disturbi o dolori consiglio di rivolgersi al medico curante che le indirizzerà allo specialista oppure direttamente a questo.»

Fonte:www.ilfattoalimentare.it






News da giovedì 16 maggio 2013

Vedi tutte le news di giovedì 16 maggio 2013 in una pagina




Ultime News



Archivio News




Tutti i prodotti esposti su questo sito ed aventi la natura di dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici, presidi medico chirurgici, medicazioni per uso esterno, nonché tutti i contenuti del sito www.cosmesiebenessere.com (testi, immagini, foto, disegni, allegati, descrizioni e quant’altro) non hanno carattere né natura di pubblicità. Tutti i contenuti devono intendersi e sono di natura esclusivamente informativa e volti esclusivamente a portare a conoscenza dei clienti o dei potenziali clienti in fase di pre-acquisto i prodotti venduti da Farmacia Blasi Dott. Giuseppe attraverso la rete. Nessun contenuto delle pagine del sito deve essere inteso come materiale pubblicitario, teso ad influenzare in qualsivoglia maniera una decisione di acquisto.Tale indicazione è particolarmente valida per: Medicinali di automedicazione, Dispositivi medici e dispositivi medico-diagnostici in vitro, presidi medico-chirurgici.