Vedi tutte le referenze ...

- DOMENICA 08 NOVEMBRE 2015 RSS Feed

Idratazione Cutanea

by Direzione | lascia un commento

Acqua e salute della pelle

Il benessere della pelle gioca un ruolo vitale nel mantenimento della salute, e la sua cura rappresenta una priorità per il genere umano, in tutti i periodi storici. La principale funzione della pelle è di proteggere il corpo dalle sostanze esogene e dall'eccessiva perdita di acqua.
L'acqua è un elemento indispensabile per il benessere della pelle, la cui detersione e idratazione risultano fondamentali per mantenerla in buono stato. Il cosmetico idratante, in particolare, è un prodotto formulato con un insieme di ingredienti utili per ripristinare il contenuto idrico della pelle - impoverito da molteplici fattori - e per mantenerla in buono stato di funzionalità, con conseguente miglioramento dell'aspetto generale della cute.

Trattamenti Dermo-cosmetici per la pelle secca

Una cute disidratata favorisce la penetrazione di sostanze estranee, l'insorgere di stati infiammatori da contatto e causa la perdita d'elasticità e plasticità. L'applicazione di formulazioni cosmetiche sulla pelle disidratata è in grado restituirle levigatezza, morbidezza e distensibilità. Il trattamento cosmetico idratante ha lo scopo, da un lato, di prevenire i fenomeni di disidratazione, dall'altro di ristabilire il contenuto ottimale di acqua e di altre sostanze, che possono ridursi in seguito a molteplici fattori.

 Le strategie di idratazione sono fondamentalmente due:

  • Regolare Il Contenuto Idrico Cutaneo
  • Regolare Il Contenuto Lipidico Cutaneo

Un buon cosmetico idratante dovrebbe agire su entrambi i livelli, con la prevalenza dell'uno o dell'altro a seconda del tipo di prodotto, per poter reintegrare e ripristinare efficacemente  il film idrolipidico cutaneo.

Per regolare il contenuto idrico cutaneo è possibile applicare sostanze umettanti come il glicerolo e il sorbitolo. Il glicerolo, applicato sulla cute, incrementandone il contenuto idrico,regolarizza la desquamazione. La funzione umettante è svolta anche da sostanze come il collagene naturale, l'acido jaluronico e alcuni derivati vegetali. In particolare, l'acido ialuronico, è conosciuto per l'elevatissima capacità di legare acqua, che si traduce in un aumento delle proprietà viscoelastiche della cute e in un aumento del tono cutaneo. Sul mercato è disponibile anche la forma idrolizzata, ovvero acido ialuronico a basso peso molecolare (<10000 dalton) che, secondo il produttore, penetra negli strati più profondi dell'epidermide ed apporta idratazione dall'interno. Nell'ambito dei derivati vegetali, troviamo le mucillagini, di cui sono ricchi gli estratti di malva, di tiglio e di altea, in grado di formare una pellicola sottile sulla cute, che agisce come una spugna che assorbe acqua e la cede allo strato corneo. Sempre nell'ambito degli ingredienti ad attività idratante, ci sono molecole in grado di modificare l'interazione tra la cute e l'acqua, come l'urea e gli alfa-idrossiacidi a bassa concentrazione. L'urea, come il glicerolo, è molto utilizzata nelle formulazioni ad attività idratante in quanto componente naturale del NMF (Natural Moisturizing Factor). A basso dosaggio, l'urea ha effetto idratante e conferisce alla pelle maggiore morbidezza e levigatezza superficiale perchè completa il distacco delle squame già parzialmente sollevate. A concentrazioni maggiori, la sua attività cheratolitica si manifesta in modo più marcato, rendendola un ingrediente utile nelle situazioni di ipercheratosi.

Attività simile all'urea, ma con il vantaggio di svolgere le stesse attività ammorbidenti e cheratoplastiche a dosi 10 volte inferiori, viene svolta dall'allantoina. Tra gli alfa-idrossiacidi di maggior impiego troviamo l'acido glicolico e l'acido lattico: usati a concentrazione inferiore al 10% hanno mostrato di possedere proprietà idratanti e cheratoplastiche e, a dosi superiori, attività esfoliante. Tra gli ingredienti in grado di regolare il contenuto idrico cutaneo, non si può non menzionare il pantenolo, o provitamina B5, che viene metabolizzato  ad acido pantotenico a livello della cute, e che rappresenta uno degli attivi da sempre più impiegati per la funzionalità idratante e stimolante la rigenerazione cellulare. Una vera e propria azione reintegrante sembra essere attribuita alle miscele più o meno arricchite e definite NMF ricostituiti. In esse, a fianco del lattato sodico ed urea, figurano idrolizzati proteici (collagenici o cheratinici), miscele di aminoacidi ricostruite e collagene nativo solubile. Non mancano gli importanti componenti saccaridici (glucosio, fruttosio, pentosio, glucosamina, glucoamidi, mucopolisaccaridi) e i loro idrolizzati.
Apportare maggiori quantità d'acqua nello strato corneo è senza dubbio fondamentale, ma è possibile modulare l'idratazione anche controllando la quantità d'acqua che naturalmente evapora per via epidermica. Il riferimento è  alla seconda strategia di idratazione, che consiste nel regolare il contenuto lipidico cutaneo attraverso sostanze di natura grassa. A questo gruppo appartengono gli occlusivi puri, come, ad esempio, la vaselina, lo squalano, i siliconi, le cere animali o vegetali e gli oli vegetali, che agiscono in primo luogo bloccando la perdita d'acqua dagli strati profondi per perspiratio insensibilis e causando così un'imbibizione di acqua degli strati superiori del corneo. Lo squalene è un idrocarburo alifatico insaturo, derivante principalmente da oli vegetali come quello di oliva, di riso e di germe di grano. Altri lipidi vegetali utilizzati per ricostituire il film idrolipidico cutaneo sono l'olio di borragine, l'olio di ribes nero e quello di enotera, caratterizzati da un contenuto elevato degli acidi grassi polinsaturi linoleico e linolenico, la cui carenza a livello cutaneo può provocare manifestazioni indesiderate, quali lesioni, eritema, pelle secca e squamosa. In generale, per i lipidi vegetali, all'azione idratante si accompagna quella emolliente, nutriente e protettiva, utile anche per il trattamento topico di eczemi, dermatiti o altre patologie della cute. Per quanto riguarda invece gli idrocarburi paraffinici, il loro impiego non trova più grande riscontro nelle moderne formulazioni, perché ritenuti responsabili di proprietà occlusive nei confronti della cute: studi recenti hanno tuttavia dimostrato che la paraffina liquida e gli oli vegetali hanno lo stesso potere occlusivo.
Tra i ristrutturanti di barriera di natura lipidica, è possibile utilizzare le ceramidi, naturalmente presenti nello strato corneo e tra i principali responsabili del mantenimento dell'equilibrio idrico della cute. Praticamente abbandonati le ceramidi di derivazione animale, sono oggi disponibili sia quelle ottenute per via biotecnologica dal lievito, sia quelle vegetali o di origine completamente sintetica.
Nella formulazione di prodotti idratanti, è possibile considerare anche estratti botanici in grado di migliorare la funzione barriera della pelle e promuovere la differenziazione dei cheratinociti, quali ad es. Aloe vera gel, Betula alba, Hypericum perforatum, Lithospermum erythrorhizon, Piptadenia colubrina e Simarouba amara.
Nella formulazione di prodotti idratanti per il giorno è inoltre corretto prevedere l'inclusione di filtri solari ad ampio spettro in quanto è sempre più dimostrata scientificamente l'importanza di prevenire quotidianamente gli effetti cumulativi dell'esposizione UV.

 Fonte: http://www.my-personaltrainer.it/cosmetici-categorie/cosmetici-idratanti.html







News di giovedì 05 novembre 2015

Vedi tutte le news di giovedì 05 novembre 2015 in una pagina




Ultime News



Archivio News




Tutti i prodotti esposti su questo sito ed aventi la natura di dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici, presidi medico chirurgici, medicazioni per uso esterno, nonché tutti i contenuti del sito www.cosmesiebenessere.com (testi, immagini, foto, disegni, allegati, descrizioni e quant’altro) non hanno carattere né natura di pubblicità. Tutti i contenuti devono intendersi e sono di natura esclusivamente informativa e volti esclusivamente a portare a conoscenza dei clienti o dei potenziali clienti in fase di pre-acquisto i prodotti venduti da Farmacia Blasi Dott. Giuseppe attraverso la rete. Nessun contenuto delle pagine del sito deve essere inteso come materiale pubblicitario, teso ad influenzare in qualsivoglia maniera una decisione di acquisto.Tale indicazione è particolarmente valida per: Medicinali di automedicazione, Dispositivi medici e dispositivi medico-diagnostici in vitro, presidi medico-chirurgici.